LE NOVITA' NEL BLOG

no differenze
rupestre
vignetta
cubo

giovedì 20 ottobre 2011

Risurrezione e Vita Eterna...

Mi sono reso conto che la spiegazione in classe sulla vita dopo la morte, il giudizio particolare e il giudizio universale, la risurrezione dei corpi, il paradiso, l'inferno e il purgatorio, il papa Benedetto XII e la costituzione dogmatica del 1336 sull'Immediata Retribuzione, non è stata probabilmente molto chiara e c'è stata un po' di confusione tra la dottrina della Chiesa Cattolica e le posizioni confutate e rifiutate da essa nella storia. Vi chiedo scusa! 

Per cercare di fare un po' di chiarezza, poi in classe riprenderemo il discorso, vi metto qua sotto il testo preso dal Compendio del Catechismo della Chiesa Cattolica (tratto da www.vatican.va) in merito a questa tematica. Spero che, in attesa della prossima lezione in classe, il testo vi aiuti a chiarire le perplessità e le inesattezze che si possano essere create. 

« CREDO LA RISURREZIONE DELLA CARNE »



- n.° 202. Che cosa si indica con il termine carne, e qual è la sua importanza? (ccc. 990; 1015)
Il termine carne designa l'uomo nella sua condizione di debolezza e di mortalità. «La carne è il cardine della salvezza» (Tertulliano). Infatti, noi crediamo in Dio creatore della carne; crediamo nel Verbo fatto carne per riscattare la carne; crediamo nella risurrezione della carne, compimento della creazione e della redenzione della carne.

- n.° 203. Che cosa significa «risurrezione della carne»? (ccc.990)
Significa che lo stato definitivo dell'uomo non sarà soltanto l'anima spirituale separata dal corpo, ma che anche i nostri corpi mortali un giorno riprenderanno vita.

- n.°204. Qual è il rapporto tra la Risurrezione di Cristo e la nostra? (ccc. 998;1002-1003)
Come Cristo è veramente risorto dai morti e vive per sempre, cosi egli stesso risusciterà tutti nell'ultimo giorno, con un corpo incorruttibile: «quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna» (Gv 5,29).

 
- n.° 205. Con la morte, che cosa succede al nostro corpo e alla nostra anima? (ccc. 992-1004; 1016-1018)
Con la morte, separazione dell'anima e del corpo, il corpo cade nella corruzione, mentre l'anima, che è immortale, va incontro al giudizio di Dio e attende di ricongiungersi al corpo quando, al ritorno del Signore, risorgerà trasformato. Comprendere come avverrà la risurrezione supera le possibilità della nostra immaginazione e del nostro intelletto.


- n.° 206. Che cosa significa morire in Cristo Gesù? (n.°1005-1014; 1019)
Significa morire in grazia di Dio, senza peccato mortale. Il credente in Cristo, seguendo il suo esempio, può così trasformare la propria morte in un atto di obbedienza e di amore verso il Padre. «Certa è questa parola: se moriamo con lui, vivremo anche con lui» (2 Tm 2, 11).

« CREDO LA VITA ETERNA »

- n.°207. Che cos'è la vita eterna? (ccc. 1020; 1051)
La vita eterna è quella che inizierà subito dopo la morte. Essa non avrà fine. Sarà preceduta per ognuno da un giudizio particolare ad opera di Cristo, giudice dei vivi e dei morti, e sarà sancita dal giudizio finale.

n.°208. Che cos'è il giudizio particolare? (ccc. 1021-1022; 1051) 

È il giudizio di retribuzione immediata, che ciascuno, fin dalla sua morte, riceve da Dio nella sua anima immortale, in rapporto alla sua fede e alle sue opere. Tale retribuzione consiste nell'accesso alla beatitudine del cielo, immediatamente o dopo un'adeguata purificazione, oppure alla dannazione eterna nell'inferno.

n.° 209. Che cosa s'intende per «cielo»? (ccc. 1023-1026; 1053) 
Per «cielo» s'intende lo stato di felicità suprema e definitiva. Quelli che muoiono nella grazia di Dio e non hanno bisogno di ulteriore purificazione sono riuniti attorno a Gesù e a Maria, agli Angeli e ai Santi. Formano così la Chiesa del cielo, dove essi vedono Dio «a faccia a faccia» (1 Cor 13,12), vivono in comunione d'amore con la Santissima Trinità e intercedono per noi.

« La vita, nella sua stessa realtà e verità, è il Padre, che, attraverso il Figlio nello Spirito Santo, riversa come fonte su tutti noi i suoi doni celesti. E per la sua bontà promette veramente anche a noi uomini i beni divini della vita eterna» (san Cirillo di Gerusalemme).


- n.° 210. Che cos'è il purgatorio? (ccc. 1030-1031;1054)
Il purgatorio è lo stato di quanti muoiono nell'amicizia di Dio, ma, benché sicuri della loro salvezza eterna, hanno ancora bisogno di purificazione, per entrare nella beatitudine celeste.

- n.°211. Come possiamo aiutare la purificazione delle anime del purgatorio? (ccc. 1032)
In virtù della comunione dei santi, i fedeli ancora pellegrini sulla terra possono aiutare le anime del purgatorio offrendo per loro preghiere di suffragio, in particolare il Sacrificio eucaristico, ma anche elemosine, indulgenze e opere di penitenza.

- n.° 212. In che cosa consiste l'inferno? (ccc. 1033-1035; 1056-1057)
Consiste nella dannazione eterna di quanti muoiono per libera scelta in peccato mortale. La pena principale dell'inferno sta nella separazione eterna da Dio, nel quale unicamente l'uomo ha la vita e la felicità, per le quali è stato creato e alle quali aspira. Cristo esprime questa realtà con le parole: «Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno» (Mt 25,41).

- n.° 213. Come si concilia l'esistenza dell'inferno con l'infinita bontà di Dio? (ccc. 1036-1037)
Dio, pur volendo «che tutti abbiano modo di pentirsi» (2 Pt 3,9), tuttavia, avendo creato l'uomo libero e responsabile, rispetta le sue decisioni. Pertanto, è l'uomo stesso che, in piena autonomia, si esclude volontariamente dalla comunione con Dio se, fino al momento della propria morte, persiste nel peccato mortale, rifiutando l'amore misericordioso di Dio.

- n.° 214. In che cosa consisterà il giudizio finale? (ccc. 1038-1041; 1058-1059)
Il giudizio finale (universale) consisterà nella sentenza di vita beata o di condanna eterna, che il Signore Gesù, ritornando quale giudice dei vivi e dei morti, emetterà a riguardo «dei giusti e degli ingiusti» (At 24,15), riuniti tutti insieme davanti a lui. A seguito di tale giudizio finale, il corpo risuscitato parteciperà alla retribuzione che l'anima ha avuto nel giudizio particolare.

- n.° 215. Quando avverrà questo giudizio? (ccc. 1040)
Questo giudizio avverrà alla fine del mondo, di cui solo Dio conosce il giorno e l'ora.

- n.° 216. Che cos'è la speranza dei cieli nuovi e della terra nuova? (ccc.1042-1050;1060)
Dopo il giudizio finale, lo stesso universo, liberato dalla schiavitù della corruzione, parteciperà alla gloria di Cristo con l'inaugurazione dei «nuovi cieli» e di una «terra nuova» (2 Pt 3,13). Sarà così raggiunta la pienezza del Regno di Dio, ossia la realizzazione definitiva del disegno salvifico di Dio di «ricapitolare in Cristo tutte le cose, quelle del cielo come quelle della terra» (Ef l, l0). Dio allora sarà «tutto in tutti» (1 Cor 15,28), nella vita eterna.