LE NOVITA' NEL BLOG

no differenze
rupestre
vignetta
cubo

lunedì 2 aprile 2012

Maria di Nazaret


Stasera, su RaiUno la seconda puntata di Maria di Nazareth. 

Nella puntata di oggi: "Erode ha intuito gli intrighi di Erodiade e prima di morire ha cambiato il testamento che favorisce l'altro figlio, Erode Antipa(Johannes Brandrup) ma la donna non si fa scrupolo di diventarne presto l'amante. Ormai uomo, Gesù (Andreas Pietschmann) inizia la sua vita pubblica e, assecondando la richiesta di sua madre, compie il suo primo miracolo alle nozze di Cana. Poco dopo, con la complicità di Maddalena, Erodiade riesce a far arrestare Giovanni il Battista (Marco Foschi), il profeta che si era scagliato contro la corruzione della corte. Giovanni indica in Gesù il Messia, ma muore a causa della cieca lussuria di Erode Antipa che ne ha promesso la testa a Salomè, appositamente istruita da Erodiade. Intanto anche Gesù con la sua predicazione corre molti rischi e Maria è indotta dai suoi parenti a suggerirgli maggiore prudenza. Il senso di colpa per la morte di Giovanni apre nel cuore di Maddalena uno spiraglio di luce che la spinge a rigettare quel mondo di perdizione... la donna scappa e torna a Nazaret ma viene accusata di adulterio da Joazar che l'ha raggiunta in Galilea. Quando sta per venire lapidata Gesù interviene e la salva. Per Maddalena si apre una nuova vita: è lei ad ungere i piedi del Messia con profumo e lacrime. Maria coglie nella morte del Battista il segno anticipatore della sorte del figlio: decide di seguirlo insieme agli altri discepoli e in mezzo a loro riabbraccia finalmente Maddalena. Ormai il tempo si fa breve... quando Gesù entra a Gerusalemme l’inizio della sua passione è vicino. Sotto lo sguardo commosso e fedele delle due donne che più l'hanno amato, Gesù viene messo in croce. Ai suoi piedi, Maria rivive il momento dell'annunciazione e così, quando al sepolcro Maddalena è la prima testimone della resurrezione di Gesù, la Madre ancora una volta può dire sì, io credo".


Nessun commento:

Posta un commento

E te che ne pensi?