LE NOVITA' NEL BLOG

no differenze
rupestre
vignetta
cubo

lunedì 27 gennaio 2014

Shoah: per non dimenticare

Oggi un po' in tutte le classi abbiamo fatto riferimento alla Shoah. Non so se sono riuscito a farvi capire l'importanza del cammino che stiamo facendo con i nostri studi. Eventi come quelle che si ricordano oggi nascono dalla non accettazione delle diversità (fisica, economica, religiosa...), da un'assenza di valori, da ignoranza, da paura... Tanti possono essere i sentimenti che hanno "giustificato" nelle coscienze di alcuni gli eventi atroci avvenuti con la Shoah e che avvengono continuamente nelle varie discriminazioni a cui purtroppo ancora oggi assistiamo. Noi, nel nostro piccolo dobbiamo fare la nostra parte perché un domani o oggi stesso non cadiamo anche noi in quell'oribile ruolo di carnefici. 


Per riflettere vi volevo proporre questa poesia che una mia collega (la maestra Miriam: http://irc4u-mmg.blogspot.it/) ha postato sul suo blog. 



La poesia è stata scritta da un suo collega, il maestro F. Bondesan della scuola primaria di Binasco "A. Frank". 





La giornata della memoria

è forse la più importante della storia
tutti noi dobbiamo ricordare
perché quel che è stato non possa più tornare
i più semplici diritti calpestati
poi i treni dei deportati,
i forni nei campi di concentramento
e i corpi, volati via nel vento.
Quanta gente uccisa crudelmente!
Chi sapeva e non ha detto niente?
Si è dato spazio all'egoismo,
alla follia e al razzismo
sono stati gravi errori
e han prodotto solo orrori
Oggi noi dobbiamo vigilare
non possiamo più sbagliare:
stare sempre molto attenti
a tutti quei comportamenti
che tendono a negare
il diritto, forse più elementare:
bianco, nero, nato al nord o all'equatore,
è sempre un uomo, è questo il suo valore!
(Flavio Bondesan)

Nessun commento:

Posta un commento

E te che ne pensi?